POLITICA

Il premier Conte: prorogate fino al 3 maggio le misure restrittive. Dal 14 aprile riaprono solo alcune attività

(di Marino Flavio Lombardi) La Pasqua è ormai alle porte, l’euforia delle spese è presente anche se gli italiani sanno che questa sarà una Pasqua senza uscite, senza chiese aperte e senza pasquetta in campagna. Il presidente del Consiglio Conte ha prolungato le misure restrittive fino al 3 maggio, consentendo però una prima boccata d’ossigeno per alcuni settori del commercio che riapriranno i battenti già martedì prossimo. Nel suo intervento ha specificato che tornare ora alla completa normalità sarebbe un atto di cui l’intera popolazione se ne potrebbe pentire in  modo drastico, con conseguenze che potrebbero prolungare di parecchi altri mesi le stesse restrizioni; i risultati sono buoni, l’epidemia sta cominciando pian piano a discendere la parabola, i sacrifici di tutti gli italiani stanno valendo, di conseguenza non bisogna assolutamente abbassare la guardia proprio in questo momento delicato di passaggio alla prossima fase 2, durante la quale comunque si dovrà stare attenti al come vivere dal punto di vista sociale in ogni senso; purtroppo non sono mancate le varie violazioni al decreto, che hanno comportato multe salatissime ai trasgressori colti di sorpresa ad un posto di blocco, soprattutto questa che è la settimana santa, dove si prevedeva già un aumento delle persone che avrebbero tentato  un’uscita verso località turistiche marittime. Vediamo quali attività potranno riaprire da martedì 14 aprile: gli esercizi commerciali che torneranno all’apertura saranno librerie e cartolibrerie, negozi per neonati e bambini, aziende che lavorano il legno, fabbriche di macchine per l’agricoltura, imprese di silvicoltura. Ovviamente dal 4 maggio si provvederà gradualmente, in base alla curva epidemiologica, a successive valutazioni per ulteriori altre aperture, sempre più in modo graduale rispettando le norme previste di precauzione. I passi sono costanti e un po’  lenti, la pazienza degli italiani e dei pugliesi ha già dato i suoi frutti positivi e si deve continuare così, con sacrifici che in un futuro molto prossimo ci auguriamo possano essere ricompensati in pieno.

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/baripos2/public_html/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 94
style=”display:none;”>
Sorry! The Author has not filled his profile.
×
Sorry! The Author has not filled his profile.